Agenzia Sociale per la casa

Contenuto

L'Agenzia Sociale per la Casa è un ufficio che vuole favorire la stipula, nel territorio cittadino e dei Comuni dell'ambito genovese che aderiscono all'iniziativa, di contratti di locazione a canone concordato (3 + 2), di cui alla legge n. 431/1998.
Gli aspiranti inquilini devono avere un reddito certo e l'incidenza del canone di locazione non può superare il 30% di questo reddito.

E' un contratto che prevede un affitto inferiore rispetto al libero mercato e determinato in base a criteri prestabiliti che tengono conto del tipo di abitazione.

  • Favorire l'incontro domanda/offerta per canoni moderati e concordati

  • Valutare gli abbinamenti possibili tra case disponibili e aspiranti inquilini

  • Garantire il proprietario contro la morosità

  • Sostenere temporaneamente l’inquilino in caso di morosità incolpevole (licenziamento e altri).

La presenza del Comune, in questo ruolo di facilitatore, è elemento di garanzia per il cittadino.

Gli aspiranti inquilini con un reddito certo documentabile e un valore ISEE–fsa del nucleo familiare non superiore al doppio dell'ISEE massimo richiesto dalla normativa regionale vigente per l'accesso all'ERP pari a € 32.694,45 (€ 39.233,34 se il nucleo familiare è mono-componente).
Inoltre non devono aver subito sfratti per “morosità colpevole” nei 3 anni antecedenti la presentazione della domanda, ovvero, dimostrare di avere completamente saldato la morosità che ha determinato lo sfratto o comunque di essere adempiente rispetto agli eventuali piani di rientro concordati con il locatore.
I proprietari interessati ad affittare il proprio immobile a canone “concordato”.
In questo caso possono avere informazioni sui vantaggi derivanti dal funzionamento del Fondo per la morosità che li garantisce (per un anno) nel caso l’inquilino non pagasse più l’affitto.
Per accedere al servizio occorre presentare la domanda  compilata in tutte le sue parti  e corredata degli allegati stabiliti.

Aspiranti inquilini

  • copia fronte/resto documento di identità

  • dichiarazione Isee del nucleo familiare

Proprietari

  • copia  fronte/resto documento di identità

  • scheda tecnica per il calcolo del canone di locazione conforme all'Accordo territoriale integrativo depositato presso il Comune di Genova in data 20 dicembre 2011.

In caso di morosità dell’inquilino, il proprietario potrà richiedere l’attivazione di un Fondo di garanzia - erogato da FILSE Spa - che copre fino a un massimo di 12 mensilità del canone di locazione previsto dal contratto.

Al momento FILSE ha raggiunto la capienza del suo finanziamento e pertanto non puo' emettere nuove garanzie in attesa di futuri sviluppi.

Ulteriore opportunità offerta a proprietari e inquilini è il Fondo per la morosità incolpevole

Si tratta di un contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo, che l’Agenzia può attivare in casi particolari di comprovata morosità incolpevole.

Allegati
Ultimo aggiornamento: 11/07/2019