Emergenza abitativa

Contenuto

Lavora in rete con Ufficio Casa, Agenzia per la Casa, Servizi Sociali e Soggetti del volontariato e opera creando rapporti di collaborazione con tutti i soggetti che si occupano di accoglienza, favorendo il lavoro di rete anche al fine di individuare nuove risorse per l’emergenza abitativa, soprattutto a favore dei nuclei familiari.


L’Ufficio gestisce direttamente alloggi per l’accoglienza in emergenza abitativa. Si tratta di appartamenti del Patrimonio indisponibile del Comune , ammobiliati e attrezzati, utilizzati per l’accoglienza temporanea di singoli e famiglie in emergenza a causa soprattutto di sfratto. Gli alloggi ad oggi sono 45, alcuni grandi e utilizzati per convivenze di più nuclei famigliari. Vi sono alcune esperienze di cohousing: minialloggi con spazi comuni.

 

La Commissione Emergenza Abitativa appositamente nominata valuta le situazioni, verifica che sussistano i requisiti per l’accesso ad un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica nel breve/medio periodo . E’ necessario infatti che le persone e famiglie inserite abbiano un progetto di uscita definibile, per garantire la rotazione.

 

L’ufficio Emergenza Abitativa dispone anche di un budget annuale per l’inserimento temporaneo in strutture di accoglienza di famiglie in emergenza abitativa che siano in attesa a breve termine di un alloggio autonomo.

E’ stato istituito un Albo delle strutture di accoglienza, anche allo scopo di creare una rete di servizi sempre più specializzati verso questa problematica. All’Albo possono aderire anche nuovi soggetti tramite una specifica procedura.

Ultimo aggiornamento: 29/07/2019