Progetti in corso nel Comune di Genova

Contenuto

 PROGETTO NAZIONALE SPERIMENTALE DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL’INCLUSIONE DI BAMBINI ROM, SINTI E CAMINANTI PER IL BIENNIO 2014-2015

Documentazione

 

Approvazione e autorizzazione alla sottoscrizione del nuovo testo “Memorandum di intesa fra consolato dell’Ecuador a Genova e Comune di Genova in relazione all’applicazione delle convenzioni internazionali relative alla protezione dei minori, a sostegno e tutela di famiglie, bambine- bambini e adolescenti ecuadoriani in situazioni di disagio familiare e/o difficoltà educativa”
Le attività
A partire dal 2016, in attuazione di quanto stabilito nei riferimenti e negli accordi normativi, è stato avviato il tavolo di lavoro territoriale composto da:

un rappresentante del Consolato,

  • due rappresentanti dell’U.O. Minori Famiglia Lotta alla Povertà
  • due coordinatori degli Ambiti Territoriali Sociali in rappresentanza dei nove Municipi e dell’Unità Operativa Stranieri
  • un rappresentante per l’Area Servizi Civici Legalità e diritti 
  • il responsabile del sistema scolastico cittadino presso la Direzione Scuola Sport e Politiche Giovanili

Il gruppo intende rinforzare la collaborazione nella rete dei Servizi territoriali affrontando tematiche e proposte quali ad esempio i ricongiungimenti familiari, l’organizzazione di nuovi spazi aggregativi per minori,  gli interventi di sostegno e tutela da parte del Comune di Genova per le famiglie appartenenti alla Comunità Ecuadoriana

Documentazione

Il 21 gennaio 2015 i rappresentanti dei vari soggetti partecipanti hanno firmato l’accordo interistituzionale per il tavolo di rete “Amaltea”.
Il tavolo Amaltea promuove e favorisce il coordinamento degli interventi sociali, sanitari, della giustizia e delle forze dell’ordine e si propone di ridurre e prevenire la “vittimizzazione secondaria”, cioè il maltrattamento istituzionale di bambini, adolescenti e donne vittime di violenza. A tal fine promuove occasioni di formazione in comune tra operatori dei vari enti e il confronto periodico tra operatori e tra organizzazioni, per una migliore conoscenza e operatività e per offrire alle vittime e alle loro famiglie interventi coordinati di protezione, tutela e cura, effettuando una migliore prevenzione secondaria attraverso il riconoscimento precoce dei casi di violenza, maltrattamento o abuso.
Per tali scopi il tavolo promuove accordi di rete, scambi di dati informatizzati e attività di valutazione dell’efficienza e dell’efficacia degli interventi, collabora al monitoraggio dei fenomeni, realizza rapporti, articoli e comunicazioni scientifiche.
Partecipano al Tavolo di rete Amaltea varie istituzioni pubbliche per il contrasto alla violenza e per la tutela e la cura delle vittime: il Comune di Genova (Direzione Politiche Sociali, Municipi, Direzione Scuola, Sport e Politiche Giovanili, Direzione Servizi Civici, Legalità e Diritti), l’Asl 3 Genovese (Struttura Complessa Assistenza Consultoriale - Centro Sovradistrettuale sul maltrattamento e l’abuso, Ospedale Villa Scassi, Ospedale Gallino, Ospedale Antero Micone), l’Istituto pediatrico di ricerca e cura a carattere scientifico Giannina Gaslini, l’Ospedale Galliera, l’Istituto di Ricovero e Cura S.Martino-Ist, l’Ospedale Evangelico Internazionale, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Genova, il Tribunale per i Minorenni di Genova, la Questura di Genova, il Garante per l’Infanzia - Regione Liguria, il Comitato Unicef di Genova, l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, le sezioni genovesi della Società Italiana di Medicina Generale (Simg) e della Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp), l’Ordine degli Avvocati di Genova, il Centro Psicoanalitico di Genova – sezione della Società Psicoanalitica Italiana.

 

Ultimo aggiornamento: 31/07/2019