Protezione civile Segnalazione danni a beni privati

Contenuto

Nella compilazione dei modelli tutti i soggetti interessati, comparto pubblico, soggetti privati ed assimilati, attività economiche e imprese agricole, devono seguire le istruzioni contenute nella procedura prevista dalla deliberazione n.751 del 29 luglio 2022 con la quale si sono aggiornate le procedura per la gestione delle attività regionali finalizzate al superamento dell’emergenza e per la segnalazione dei danni causati da eventi calamitosi o catastrofici.
 

Chi può segnalare i danni

Famiglie (persone fisiche), amministratori condominiali (o condomini delegati), persone giuridiche senza scopo di lucro quali associazioni e fondazioni no profit e gli enti no profit che hanno subito danni ai propri beni a seguito di un evento (es. alluvione, mareggiata) di protezione civile.

 

Come può segnalare i danni

Presentando al Comune in cui è avvenuto il danno la scheda di segnalazione del danno - modello D, reperibile in questa pagina più in basso, unitamente alle istruzioni per la compilazione e ai casi specifici.

 

Quando segnalare i danni

Entro il termine perentorio di 30 giorni dall’evento; il Comune provvede a trasmettere i dati di riepilogo alla Regione entro i successivi 10 giorni.
Il conteggio dei giorni decorre a partire dal giorno successivo dall'evento (che pertanto è il primo), e l'ultimo giorno utile per la presentazione della segnalazione è il trentesimo; in caso di trasmissione tramite posta fa fede il timbro postale di partenza, in caso di trasmissione tramite telefax o Pec (posta certificata) vale la data di partenza, indipendentemente dalla data di protocollo di ricezione della pubblica amministrazione ricevente.
Nel caso il trentesimo giorno cada di domenica o comunque in giorno festivo è automaticamente prorogato al feriale immediatamente successivo.

 

Perchè segnalare i danni

Le segnalazioni di danno sono necessarie per definire l’ammontare dei danni e delle criticità occorse a seguito di un evento.
Inoltre i modelli D di segnalazione danno presentate costituiscono requisito d’accesso per eventuali contributi erogati con fondi di Protezione Civile, ma non danno diritto e non forniscono garanzia di erogazione degli stessi.

 

I modelli di segnalazione danno si trovano anche:

 

Validità della domanda a seconda della modalità di presentazione

  • consegna a mano agli URP Uffici Relazioni con il Pubblico del Comune di Genova - fa fede la data del protocollo
  • trasmissione tramite posta raccomandata al Comune di Genova - Settore Protezione Civile via di Francia 1 - 16149 Genova - fa fede il timbro postale di partenza
  • trasmissione tramite PEC protciv.comge@postecert.it - vale la data di partenza indipendentemente dalla data di protocollo di ricezione della pubblica amministrazione ricevente


Solo a seguito dell’emissione di un apposito bando, sarà possibile partecipare alla richiesta di contributo per il danno subito a seguito dell’evento calamitoso e ricompreso nelle tipologie indicate dal bando stesso.
 

Allegati
Ultimo aggiornamento: 12/12/2023