Urbanistica, Paesaggio e Geologia Coloritura Facciate di Edifici e Murales

Contenuto

L’Unità Operativa Complessa Tutela del Paesaggio esercita la competenza per gli interventi sulle facciate degli edifici secondo quanto prescritto dall’art. 90 del Regolamento Edilizio Comunale

Il nulla osta deve essere richiesto sempre anche in caso di conferma dei colori esistenti.
Per gli interventi di coloritura su immobili tutelati quali Beni Culturali - Parte II - del D.Lgs. 42/2004 - le coloriture devono essere concordate direttamente con la competente Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Liguria.

Per gli interventi di coloritura delle facciate (art. 94 REC) che modifichino l’aspetto esteriore degli edifici (cambio colore o modifica relativa a finitura e decori rispetto allo stato esistente o impossibilità di definire il colore esistente o nuova proposta colore per nuova costruzione) o delle loro pertinenze in zone soggette a tutela paesaggistica i proprietari devono richiedere il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica secondo quanto stabilito dal D.lgs. 42/2004. Il cambio colore deve essere supportato da documentazione storica, memoria storica, fotografie del contesto o porzione di intonaco preesistente che motivi la nuova proposta.
L’autorizzazione paesaggistica ha effetto anche quale nulla osta colore e viene rilasciata sulla base di relazione paesaggistica, accompagnata dalla scheda colore proposta. In questo caso, non è applicato alcun costo istruttorio oltre alla tariffa per il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica.

Nel caso di zona soggetta a tutela, se l'intervento di coloritura non modifica l'aspetto esteriore si procede con semplice rilascio di nulla osta colore.
Per tutti gli altri interventi di coloritura delle facciate (art. 94 REC) non ricadenti in zone soggette a tutela, i proprietari devono richiedere il rilascio del nulla osta colore ai sensi del regolamento edilizio comunale.

 

Il nulla osta viene rilasciato per interventi che interessino tutte le facciate (non per riprese di colore o porzioni di facciata o singole facciate) semprechè venga assicurata l’uniformità cromatica del colore di facciata sotto responsabilità del Direttore Lavori.

La presentazione della richiesta deve essere inoltrata in via telematica tramite la piattaforma informatica dello Sportello Unico dell'Edilizia - piattaforma on line - allegando la seguente e documentazione:

  • Modello di richiesta compilato e firmato dal richiedente e dal progettista con indicazione dell’ambito di PUC, del livello paesaggistico puntuale di PUC e della zona di PTCP in cui ricade l’intervento, con descrizione sintetica dell’intervento, con indicazione della proposta di tinte di facciata e del tipo di pittura scelta, di specifiche relative a serramenti esterni, ringhiere, cancelli, recinzioni e quanto altro possa determinare la qualità estetica dalle pubbliche visuali. Ogni campo della richiesta deve essere compilato.
  • Documentazione grafica, ovvero prospetti che mostrino la proposta di colore e la proposta di intervento su tutti gli elementi che compongono una facciata (compresa la zoccolatura).
  • Documentazione fotografica dei manufatti oggetto d’intervento, fotografie d’insieme, da lontano con gli edifici circostanti e da vicino con gli eventuali particolari architettonici e decorativi significativi (le fotografie devono essere a colori, di buona qualità allo scopo di consentire la valutazione).
  • Relazione che descriva sinteticamente l’intervento.
  • Indicazione della cartella colori del colorificio proposto con nome mazzetta, codice delle tinte o campioni di tali tinte stese su cartoncino. Si suggerisce di prelevare una piccola porzione di intonaco esistente da mantenere in vista in cantiere.
  • Documentazione fotografica che mostri la sovrapposizione della tinta proposta sugli intonaci esistenti.
  • Bozzetto in scala adeguata rappresentante i risultati che si intendono raggiungere, corredato, solo nei casi di facciate dipinte, da curriculum professionale del decoratore.

La proposta viene valutata entro il termine di 15 giorni dal ricevimento della richiesta online, decorso il quale in assenza di comunicazioni ostative, la stessa richiesta si intende tacitamente approvata.
Il progetto dei colori e l’eventuale bozzetto devono essere mantenuti in cantiere fino all’ ultimazione dei lavori.

In ottemperanza a quanto indicato dal comma 6, art. 90 del Regolamento Edilizio Comunale, l’U.O.C. Tutela del Paesaggio autorizza le varie forme di murales o opere di street art.
La richiesta deve pervenire tramite PEC da parte di un soggetto pubblico o da parte del Municipio nel quale viene proposta l’opera, corredata dai pareri preliminari necessari.
Alla richiesta deve essere allegata la documentazione prevista e in particolare fotografie del sito e dell’intorno, bozzetto dell’opera o della tematica da rappresentare, curricula degli artisti o referente culturale dell’iniziativa.

Ultimo aggiornamento: 11/07/2022