Scuole dell'infanzia

Contenuto

La Scuola dell’Infanzia gestita dal Comune di Genova è un servizio educativo di durata triennale per le bambine e i bambini dai 3 ai 6 anni di età, che concorre all’educazione e allo sviluppo della bambina/o, nel rispetto delle identità individuali, culturali e religiose.
È parte integrante del sistema educativo e scolastico regionale che comprende 49 scuole dell’infanzia a gestione diretta, 76 scuole dell’infanzia statali, 50 scuole dell’infanzia private paritarie di cui 25 convenzionate e 8 private.
Il Comune di Genova, anche attraverso la conferenza Cittadina delle Autonomie Scolastiche, promuove la pianificazione e l’integrazione dell’offerta educativa del sistema cittadino.Calendario

Le Scuole Infanzia Comunali sono aperte da settembre a giugno secondo quanto previsto dal calendario scolastico regionale

Articolazione del calendario per l’anno scolastico 2019/2020 per i servizi 0/6 anni:
Ammissione vecchi iscritti da giovedì 5 settembre 2019.
Avvio inserimenti nuovi iscritti: a partire da giovedì 12 settembre 2019:
dal 23/12/2019 al 04/01/2020 - vacanze natalizie (rientro a scuola 7 gennaio 2020)
dal 09/04/2020 al 14/04/2020 - vacanze pasquali (rientro a scuola 15 aprile 2020)
chiusura lunedì 1 giugno 2020

chiusura mercoledì 24 giugno 2020
Chiusura anno scolastico:
ultimo giorno di servizio per i bambini giovedì 25 giugno 2020
A luglio può essere attivato un servizio ludico ricreativo estivo.

ISCRIZIONI ON LINE alle Scuole Infanzia e alle Sezioni Primavera comunali a. s. 2019-2020

Quando

dal 21 gennaio al 22 febbraio 2019

Per chi

  • per le scuole infanzia bambini/e nati/e negli anni 2014 - 2015 - 2016

  • per le sezioni primavera bambini/e nati/e nall'anno 2017

 

Solo on line per i genitori dei bambini residenti con almeno un genitore nel Comune di Genova. Per l'accesso al sito il genitore deve avere: carta d'identità valida, codice fiscale e indirizzo e-mail. Non possono presentare domanda di iscrizione on line e devono compilare il modulo cartaceo i genitori delle bambine/i non residenti o non residenti con nucleo di origine. Il modulo compilato va consegnato presso le Segreterie di Ambito (vedi informativa alle famiglie) 

 

modulistica iscrizioni

 

iscrizioni online

 

 

 

Le Scuole dell’Infanzia Comunali offrono un servizio a tempo pieno con orario base 8 - 16.30.
È possibile richiedere il servizio con orario aggiuntivo:
• entrata anticipata alle 7.30
• uscita alle 17.30
• uscita alle 18.15 (attivabile solo se in presenza di almeno n. 8 richieste sottoscritte nella stessa scuola)
Per il servizio aggiuntivo è prevista l'iscrizione e una retta mensile.
La richiesta di orario aggiuntivo si presenta ogni anno scolastico. Sono possibili variazioni in corso d'anno utilizzando l’apposito modulo (in allegato a piè pagina).

L’organizzazione della scuola prevede gruppi eterogenei/omogenei formati da 25 bambine e bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni.
Le Scuole Infanzia Comunali sono organizzate in raggruppamenti definiti “ambiti territoriali educativi”, ciascuno dei quali è gestito da un Responsabile facente parte del Coordinamento Pedagogico Centrale.

 

La Scuola dell’Infanzia Comunale, in accordo con il Decreto Legislativo 65/2017, con il Regolamento dei Servizi per l’Infanzia del Comune di Genova e la Carta dei Servizi ai Bambini da 0 a 6 anni, tenendo conto delle principali teorie di sviluppo, si pone la finalità di promuovere:

  • la maturazione dell’identità
  • la conquista dell’autonomia
  • lo sviluppo delle competenze
  • il senso della cittadinanza

favorendo la formazione integrale della personalità delle  bambine e  dei bambini, impegnati nel processo di costruzione del sé  e nella relazione con gli altri.
Tali obiettivi vengono perseguiti attraverso percorsi adeguati e riferiti alle specifiche esigenze di apprendimento e di socializzazione delle diverse età, in collaborazione e con la partecipazione delle famiglie.
L’offerta educativa è adeguata alle diverse età dei bambini nel rispetto delle Indicazioni Nazionali del Curricolo/DM 2012, delle linee pedagogiche contenute nel Manifesto Pedagogico elaborato dal Comune di Genova in collaborazione con l’Università degli Studi di Genova.
Il P.O.F.  (Piano dell'Offerta Formativa) rappresenta il documento fondamentale di ogni istituzione scolastica con il quale vengono rese pubbliche l’offerta di istruzione e di formazione, l’organizzazione e le modalità di attuazione.
Il P.O.F. delle Scuole dell’Infanzia Comunali è costituito da una parte generale uguale per tutte le scuole afferenti alla Direzione e da una specifica relativa alla programmazione educativa di ciascuna scuola e ai progetti didattici in essa attivati.
L’azione educativa prende forma attraverso la progettazione della didattica.
L’organizzazione degli spazi, degli ambienti e dei tempi delle bambine e dei bambini e degli adulti è connessa ai valori e alle scelte del progetto educativo.
L’ambiente interagisce, si modifica e prende forma in relazione ai progetti e alle esperienze di apprendimento offerte alle bambine e ai bambini in un dialogo costante fra architettura e pedagogia.
Da alcuni anni i Nidi d’Infanzia e le Scuole d’Infanzia del Comune di Genova, nella dimensione di un progetto formativo 0/6 anni, hanno inserito nella programmazione curricolare alcune tematiche che vanno a caratterizzare l’offerta formativa permettendo approfondimenti specifici. In quest’ottica si collocano i saperi scientifici, la lingua inglese e il plurilinguismo, la dimensione interculturale, il rapporto con l’ambiente, la creatività infantile, la proposta montessoriana e la philosophy for children.
La metodologia delle scuole tematiche rappresenta un’innovazione organizzativa.

L’ambientamento nella scuola dell’infanzia è un sistema relazionale dinamico finalizzato al benessere collettivo.
Stare bene a scuola non è solamente una condizione dell’animo, un investimento emotivo ed affettivo ma un processo di armonizzazione dell’attenzione all’altro: l’ascolto, l’osservazione,
la vicinanza fisica, la scoperta dello spazio e delle proprie e altrui emozioni
Nella Scuola dell’Infanzia il bambino/a ha competenze tali da prefigurarsi il quotidiano che lo attende e quindi può essere coinvolto nell’accordo e nella progettazione di questo momento.
Per i nuovi piccoli iscritti sono previste feste di accoglienza, momenti ed attività di laboratorio aperti a bambini ed adulti e colloqui individuali con i genitori.
I bambini e le bambine provenienti dal nido e dalle sezioni primavera possono iniziare la frequenza dal primo giorno di apertura dell’anno scolastico, successivamente e con gradualità vengono accolti tutti i bimbi/e  con le loro famiglie.
Sono previste modalità d’ambientamento nel rispetto dei tempi specifici di ciascun bambino.

La collaborazione con le famiglie è finalizzata alla costruzione di un progetto che risponda ai bisogni delle bambine e dei bambini. Nei confronti dei genitori si promuove un atteggiamento di accoglienza e reciprocità che si realizza in forme di partecipazione attiva. La scuola e la famiglia interagiscono attraverso il dialogo costante e anche  in occasioni  significative quali le riunioni e i colloqui individuali nel rispetto delle indicazioni della Carta dei Servizi ai Bambini e alle Bambine di 0/6 anni.
Come prevede il regolamento dei Servizi per l’Infanzia del Comune di Genova (adottato con Delibera Consiglio Comunale n° 4 del 2009) gli organismi di partecipazione  per le Scuole Infanzia sono:

  • Comitato di partecipazione, organo di partecipazione delle famiglie e del territorio alla vita scolastica.
  • Assemblea di Scuola, formata dal gruppo di lavoro e dai genitori delle  bambine e dei bambini
  • Assemblea di sezione,  momento di incontro tra i genitori e  gli insegnanti

I genitori collaborano alla realizzazione delle finalità educative partecipando alle diverse iniziative programmate quali: feste, incontri, uscite didattiche e laboratori.

Le Scuole dell’Infanzia Comunali garantiscono priorità d’accesso alle bambine e ai bambini disabili.
Sulla base delle indicazioni contenute nella certificazione ai sensi della legge 104/1992, rilasciata dai competenti organismi sanitari, gli uffici centrali del Coordinamento Tecnico Pedagogico, assegnano all’inizio dell’anno scolastico il personale educativo di sostegno. Tutte le scuole garantiscono, nell’accogliere un bambino/a con diritti speciali, il raccordo con i servizi sanitari e sociali finalizzato alla progettazione di strategie volte all’inclusione scolastica.

L’osservazione e la documentazione sono gli strumenti che permettono di costruire traccia e memoria del lavoro svolto.
L’osservazione  guida l’intervento educativo dell’insegnante.
E’ prevista una valutazione periodica dell’andamento dell’azione educativa per verificarne l’efficacia e, ove necessario, apportare opportune misure per il miglioramento dell’intervento educativo.
Osservare è garanzia di attenzione, di ascolto e delle esigenze di ciascun bambino/a, di rispetto della variabilità dei ritmi di sviluppo e di consapevolezza della natura esplorativa dell’apprendimento dei bambini.
La documentazione offre inoltre ai genitori la possibilità di condividere i percorsi e i progressi dei propri figli.

Allegati
Ultimo aggiornamento: 23/09/2019