Contenuto

Le tariffe dell’imposta sulla pubblicità sono determinate annualmente dalla Giunta Comunale in conformità a quanto previsto dalla vigente normativa. In caso di mancata adozione della deliberazione annuale si intendono prorogate di anno in anno quelle vigenti. L’imposta è dovuta per le fattispecie previste dagli artt. 12, 13 e 14 del D.lgs. 507/1993 e  ss.mm. e ii., per anno solare di riferimento cui corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria; per le altre fattispecie il periodo di imposta è quello determinato dalle disposizioni previste dal Regolamento e dalla normativa specifica in materia vigenti.

Il versamento dell’imposta deve essere effettuato, contestualmente al rilascio dell’autorizzazione, mediante i sistemi di pagamento in uso al Comune. Il pagamento deve essere effettuato con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore o uguale a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo. Per la pubblicità relativa a periodi inferiori all’anno solare l’imposta deve essere corrisposta in unica soluzione. Per la pubblicità annuale l’imposta può essere corrisposta in rate trimestrali anticipate (31 gennaio - 31 marzo - 30 giugno - 30 settembre) qualora sia di importo superiore a 1.550,00 euro. Il termine di pagamento per la pubblicità annuale inferiore a 1.550,00 euro è fissato alla data del 31 gennaio ed è corrisposto in un’unica soluzione. Qualora la pubblicità sia effettuata su impianti installati su beni appartenenti o dati in godimento al Comune, l’applicazione dell’imposta sulla pubblicità non esclude quella del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, nonché il pagamento di canoni di locazione o di concessione commisurati, questi ultimi, alla effettiva occupazione del suolo pubblico del mezzo pubblicitario. In caso di pubblicità d’esercizio, l’attestazione dell’avvenuto pagamento dell’imposta viene conservata, presso l’esercizio sede dell’esposizione pubblicitaria ed esibito in sede di eventuale accertamento. In caso di pubblicità non di esercizio, ovvero per conto terzi, l’attestazione dell’avvenuto pagamento dell’imposta è conservata presso la sede legale del titolare dell’autorizzazione.

Ultimo aggiornamento: 22/04/2020