Contenuto

Icona: 
icona rappresentante pagamento
Icona hover mouse: 
icona rappresentante pagamento
Ordinamento per categorie icone servizi online: 
8

Per variazioni, cessazioni o nuove iscrizioni devono essere presentate le relative dichiarazioni.
L’iscrizione anagrafica vale ai fini della tassa rifiuti, pertanto, per la sola abitazione di residenza, non è necessario effettuare alcuna dichiarazione in quanto i dati vengono recepiti d’ufficio.

 

Le variazioni in corso d’anno che intervengono successivamente all’emissione degli avvisi di pagamento vengono recepite e conteggiate in sede di conguaglio compensativo (art. 25, comma 8, e art. 31, comma 3, del vigente Regolamento TARI). Esse possono comportare un recupero o un rimborso della TARI. Il documento a conguaglio può quindi essere corredato del modello di pagamento F24 o del modulo per la richiesta del rimborso e le relative istruzioni di compilazione.

 

Normativa statale

 

Con la legge di stabilità 2020, art.1, comma 738, legge 27 dicembre 2019 n. 160, è stata abrogata, con decorrenza dall’anno 2020, l’imposta unica comunale (IUC) di cui all’art. 1, comma 639, legge 27 dicembre 2013 n. 147. Sopravvivono alla suddetta abrogazione, come imposte autonome e non più come componenti della IUC:

IMU – Imposta Municipale propria

La TARI è corrisposta in base a tariffa commisurata ad anno solare coincidente con un’autonoma obbligazione tributaria, determinata sulla base del costo del servizio quantificato dal Piano Finanziario.

Annualmente, entro il termine fissato da norma statale per l’approvazione del bilancio di previsione, il Consiglio Comunale delibera, ai sensi dell’art. 1, comma 683 della L. 147/2013, le tariffe per ogni singola categoria d’utenza.

Per l’anno 2020 la TARI viene riscossa in acconto e saldo.

L’acconto è calcolato sulla base delle tariffe approvate, per l’anno 2019, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 22 gennaio 2019.

Il saldo è calcolato sulla base delle tariffe approvate, per l'anno 2020, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 29 settembre 2020.

 

La gestione del ciclo integrato dei rifiuti è affidata dal Comune di Genova ad AMIU GENOVA SPA (Via G. D'Annunzio, 75 - 16121 Genova), società totalmente pubblica, sulla quale il Comune di Genova esercita il “controllo analogo” previsto dal c.d. regime in-house.

Il servizio è ad oggi disciplinato dal Contratto di servizio approvato con deliberazione del Consiglio Comunale del 21/6/1999 n. 76.

 

Allegati normali: 

Suggerimenti e Reclami

 

Allegati speciali: 

La legge n. 160 del 27.12.2019 (legge di Bilancio 2020) ha abolito la IUC ad eccezione delle disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI); l'imposta municipale propria (IMU) è  disciplinata dalle disposizioni di cui ai commi da 739 a 783.

 

PAGAMENTO ACCONTO IMU 2020

Il versamento della rata di acconto IMU per l’anno 2020 doveva essere effettuato entro il 16 giugno 2020 in misura pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l’anno 2019, come previsto dal comma 762 della legge 160/2019.