Giorno del Ricordo, commemorazione al cimitero di Staglieno

Contenuto

Rinnovata la memoria della tragedia delle Foibe e dell'esodo da Venezia Giulia e Dalmazia

Claudio Critelli

È stato l’assessore Giorgio Viale, in rappresentanza del Comune di Genova ed accompagnato dal gonfalone della Città, a partecipare stamattina alla cerimonia per il Giorno del Ricordo sottolineando l’importanza di non dimenticare mai quella drammatica pagina della storia che, nel secondo dopoguerra, coinvolse innumerevoli persone e provocò migliaia di morti.

 

La commemorazione, nel Parco della Rimembranza del cimitero monumentale di Staglieno, ha rinnovato la memoria della tragedia degli italiani, di tutte le vittime delle foibe e dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati.

 

Dopo la deposizione di corone di alloro accanto al cippo che ricorda quelle atroci vicende, Emerico Radma, vicepresidente Comitato provinciale di Genova e membro Comitato Esecutivo Nazionale Associazione Venezia Giulia e Dalmazia ha tenuto l’orazione di apertura.

 

Insieme alle autorità militari sono intervenuti il consigliere regionale segretario dell’Ufficio di Presidenza Claudio Muzio e il consigliere del Municipio Media Valbisagno Giovanni Battista Inguglia. Presenti anche i gonfaloni della Regione Liguria e della Città Metropolitana di Genova.

 

Domani alle ore 10.30 nei giardini Cavagnaro, il Municipio Media Val Bisagno, deporrà corone di alloro presso il cippo dedicato al dramma delle foibe. Saranno presenti il presidente del Municipio Roberto D’Avolio e l’assessore municipale Barbara Comparini.

Al termine della commemorazione il presidente del comitato genovese dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia Claudio Eva si recherà nella scuola secondaria “Cantore” di corso De Stefanis 1 per incontrare anche gli studenti dell’istituto “Da Passano” a cui racconterà quella drammatica fase storica per tenere viva la memoria del sacrificio di quelle popolazioni.

Ultimo aggiornamento: 12/02/2020