Start 4.0 arriva a Genova

Contenuto

La Val Polcevera ospiterà uno dei Centri di Competenza per la Sicurezza e l’Ottimizzazione delle Infrastrutture Strategiche selezionato dal Mise

Claudio Critelli

Arriva a Genova il Centro di Competenza per la Sicurezza e l’Ottimizzazione delle Infrastrutture Strategiche - Start 4.0. Sarà uno degli otto centri dedicati alle tematiche dell'Industria 4.0 finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico. Avrà sede in Val Polcevera in una zona che, da ex quartier generale dell’industria pesante, si candida a diventare propulsore di crescita e innovazione tecnologica.

 

A illustrare le caratteristiche di questo partenariato pubblico-privato, con capofila il Consiglio Nazionale delle Ricerche, sono stati la presidente Paola Giardinio e il presidente del Cnr Massimo Inguscio. Alla presentazione sono intervenuti anche il sindaco Marco Bucci, il governatore Giovanni Toti e il vice ministro delle infrastrutture Edoardo Rixi.

 

«Vogliamo che il cuore tecnologico del progetto sia da noi - ha sottolineato il sindaco Marco Bucci -. Puntiamo a essere il centro di competenza nazionale di eccellenza per tutta la sicurezza territoriale: dalla cybersecurity alla safety delle persone sino alla security di tutti i sistemi, non solo quelli digitali».

 

Start 4.0, supportato fra gli altri dall'Istituto Italiano di Tenologia e da istituzioni pubbliche, consolida e valorizza le collaborazioni e le competenze del territorio genovese e ligure coinvolgendo numerose realtà del tessuto economico ed imprenditoriale. Si tratta di uno strumento strategico di supporto alle imprese sui temi della sicurezza portuale (sicurezza delle merci, delle persone, e dei dati legati al loro flusso), dell'energia (cybersecurity delle reti elettriche), dei trasporti (Information security management in ambito ferroviario e navale), del settore idrico (soluzioni per recovery e monitoraggio degli invasi e della rete di distribuzione) e della produzione (digitalizzazione dei processi industriali e aumento del livello di maturità tecnologica del tessuto produttivo, in particolare delle Pmi, mediante l’impiego di tecnologie abilitanti).

Ultimo aggiornamento: 18/02/2019