Uno sconto speciale per i viaggiatori FS in visita nei Musei Civici

Contenuto

Siglato un accordo tra Comune di Genova e Trenitalia per promuovere un turismo culturale sostenibile. Un titolo di viaggio di corsa semplice, abbonamento regionale o sovraregionale per Liguria e validato all'atto dell'acquisto permetterà di avere una riduzione sul biglietto d'ingresso nelle strutture  museali 

È un treno che passa non una, ma molte volte, quello per l’arte e la cultura offerte dalla Superba.

 

Grazie a un accordo tra Comune di Genova e Trenitalia dedicato a promuovere un turismo culturale sostenibile, infatti, chi si recherà alle biglietterie di una struttura museale civica esibendo un titolo di viaggio di corsa semplice, abbonamento regionale o sovraregionale attivo in Liguria e validato all'atto dell'acquisto potrà usufruire di uno sconto speciale.

 

Un’iniziativa che rientra tra quelle avviate per offrire vantaggi a tutte le persone che scelgono i treni regionali per lavoro e studio, ma anche per turismo e svago nei periodi festivi e nei fine settimana. Dalle straordinarie quadrerie dei Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco, Palazzo Rosso, Palazzo Tursi  allo stupore per la ricchezza e diversità delle culture di tutto il mondo a Castello d’Albertis, dai tesori delle collezioni d'arte orientale del Museo  Chiossone, alle testimonianze  del Museo del Risorgimento, dalla collezione dedicata alle arti del primo Novecento della Wolfsoniana di Nervi, al Museo Navale o il Museo di Archeologia Ligure situati a Pegli, dal Museo di Storia Naturale alla Casa di Colombo e Torri di Sant’Andrea alle esposizioni permanenti nei parchi affacciati sul mare come le  Raccolte Frugone  e la Galleria d’Arte Moderna di Nervi.

 

“Un’iniziativa che coniuga arte e turismo, creando percorsi culturali che coinvolgeranno tutto il territorio cittadino – commenta l’assessore alle Politiche culturali Barbara Grosso –. Genova è uno scrigno prezioso che contiene autentici tesori, a partire dalle quadrerie dei musei di Strada Nuova, da Castello D’Albertis, fino ad arrivare ai musei del Ponente. Questo accordo tra Ferrovie dello Stato e Comune darà una marcia in più al turismo culturale e accenderà sulla nostra città fari ancora più luminosi, mettendola al centro del palcoscenico dove merita di stare”.

 

“Si tratta di un’operazione di marketing che vuole, da una parte promuovere il nostro immenso patrimonio culturale e artistico, dall’altra favorire l’utilizzo del vettore ferroviario negli spostamenti dei turisti all’interno della città – sottolinea l’assessore al marketing territoriale Laura Gaggero –. Abbiamo la fortuna di avere musei bellissimi anche nel ponente e nel levante di Genova, dall’Archeologico di Pegli alla Gam di Nervi. Questa opportunità incoraggerà sicuramente, non soltanto i turisti ma anche tanti genovesi, a visitarli”.

 

"Come assessore regionale al turismo e ai trasporti – dichiara Giovanni Berrino – sono contento di questa interessante iniziativa che coniuga l'uso del treno e del trasporto pubblico con l'attrattività turistica perché i musei di Genova conservano opere d'arte notevoli".

 

Ecco le sedi museali interessate da questa formula e gli sconti tariffari applicati:

 

tempora voluptates delectus
MUSEO TARIFFA TARIFFA RIDOTTA
Musei di Strada Nuova     9 €       7 €
Museo d’Arte Orientale Chiossone 5 €     3 €  
Museo Navale di Pegli     5 €   3 €
Casa di Colombo e Torri di Sant’Andrea   5 €     3 € 
Museo di Storia Naturale "G. Doria"  5 €   3 €
Museo del Risorgimento  5 €   3 €
Museo di Archeologia Ligure        5 €   3 €
Wolfsoniana          5 €   4 €
Raccolte Frugone   5 €   3 €
Castello D'Albertis 6 € 4,5 €
Galleria d’Arte Moderna      6 € 5 €  

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 22/01/2020