Consiglio Comunale di martedì 8 settembre 2020

Contenuto

Riapertura delle scuole, Covid-19, viabilità e scolmatore del Bisagno sono i principali argomenti del question-time. Ricordata la figura di Rossella Sborgi consigliere comunale dal 1976 al 1985

Dopo la pausa feriale del mese di agosto, oggi riprendono i lavori del consiglio comunale.

 

Alle ore 14 il consiglio comunale si apre con le interrogazioni a risposta immediata dei consiglieri alla giunta. 

 

Cristina Lodi (Partito Democratico) chiede urgentemente informazioni circa le azioni che sono state intraprese dalla Giunta per l'assegnazione dei locali vuoti e degli edifici dismessi da consegnare alle scuole per affrontare l'emergenza spazi legata alle disposizioni anti Covid 19. Inoltre domanda se sono state effettuate delle ricognizioni e con quali risultati. E' evidente, conclude nella sua interrogazione la consigliera Lodi, che il trasloco delle classi e la ristrutturazioni dei locali sono fattori decisivi in questa fase di lotta alla pandemia. Per concludere, vorrebbe anche venire a conoscenza se a questo proposito è stata convocata la conferenza cittadina delle autonomie scolastiche e se sono stati coin-volti i municipi.

 

Risponde l’assessore Pietro Piciocchi

 

Non è sicuramente mancata una regia da parte del Comune. Anzi, c’è stato un coordinamento molto proficuo, anche per vie informali, con la Direzione scolastica regionale, in particolare con il professor Acerra, con il quale abbiamo lavorato molto bene, soprattutto nello scambio di informazioni e nell’individuazione delle esigenze dei plessi scolastici. Abbiamo operato su diversi filoni. Vista la mole di informazioni, e lo scarso tempo oggi a disposizione, mi impegno, entro la fine della settimana, a comunicare quanto è stato fatto. Ringrazio gli uffici tecnici e scolastici del Comune che hanno lavorato senza sosta nei mesi estivi per consentire la riapertura in sicurezza delle scuole il 14 di settembre. Sono stati effettuati interventi di edilizia leggera coordinati con i municipi e i dirigenti scolastici. La fase più delicata è stata l’acquisizione di nuovi spazi. La direzione scolastica regionale ci ha trasmesso l’elenco di tredici scuole di competenza del comune che manifestavano il bisogno di altri locali. Abbiamo risolto questa e altre esigenze e a questo punto possiamo dire che le criticità sono quasi tutte alle nostre spalle. Per quanto riguarda gli aspetti di competenza del comune non posso che ritenermi soddisfatto anche se, come si sa, in questi frangenti di emergenza si naviga a vista.

 

Lorella Fontana (Lega Salvini Premier) chiede lumi, a fronte delle norme anti Covid 19, sulle procedure di sanificazione dei mezzi AMT.

 

Risponde l'assessore Matteo Campora

 

La sanificazione è un argomento estremamente importante. Abbiamo chiesto ad Amt di effettuare dei controlli e delle verifiche sulle aziende in subappalto, in modo che le proce-dure dei protocolli vengano rispettate. Ho chiesto ad Amt una relazione che vi espongo. Lo schema è il seguente: sanificazione notturna da lunedì a domenica, sanificazione diurna effettuata sui bus che rientrano in rimessa. Viene effettuata una sanificazione in piazza Verdi e in via Ceccardi sugli autobus in transito. Sui convogli della metropolitana la sanificazione viene effettuata tutti i giorni e se ne fa una aggiuntiva il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Da quanto mi è stato riferito il protocollo viene rigorosamente rispettato.

 

Maria Josè Bruccoleri (Italia Viva) torna sul tema della riapertura delle scuole, ma dal lato dello smaltimento del materiale scolastico desueto. Una operazione che, in base alle tariffe di Amiu, richiede un esborso molto al di sopra delle possibilità economiche delle singole direzioni scolastiche, già impegnate finanziariamente nelle spese per le misure anti Covid 19. Il consigliere Bruccoleri chiede quindi alla Giunta se la stessa può farsi carico dei costi di rimozione e smaltimento di questo tipo di materiale.

 

Risponde l'assessore Matteo Campora

 

Massima disponibilità da parte di Amiu a dare un supporto allo smaltimento di questo materiale. Ma questa attività non rientra nel contratto di servizio. In ogni modo Amiu, anche su richiesta dei Municipi, assicurerà il servizio, in seguito verranno risolti gli aspetti formali ed economici.

 

Vittorio Ottonello (Vince Genova) riporta la notizia apparsa su un quotidiano cittadino secondo la quale due società cittadine di pallacanestro militanti nel campionato di serie C Silver, Pallacanestro Sestri e Basket Pegli, sono impossibilitate a proseguire nella loro attività sportiva, in quanto i gestori dell'impianto comunale hanno sostituito il vecchio terreno di gioco in legno con un materiale non idoneo alla pratica del basket. Di conseguenza, chiede quali azioni intenda intraprendere l'amministrazione per risolvere questo problema. Sul tema delle due società di pallacanestro che non riescono più a praticare il basket sul campo di Lago Figoi interviene anche il consigliere Claudio Villa (Partito Democratico) che in più chiede una riunione urgente tra Comune, federazione basket e gestori.

 

Risponde l'assessore Pietro Piciocchi

 

Confesso, dice, che questa situazione ha colto di sorpresa l’amministrazione. Condivido con voi il dispiacere per il disagio arrecato alle società sportive. Ho esaminato la situazione contrattuale alla ricerca di strumenti contrattuali per impedire la trasformazione del campo sportivo e ordinare al gestore il relativo ripristino. Il contratto non ci consegna questi strumenti. Anzi, la palestra di pallacanestro non è neppure citata. L’art 16 comma 6 del contratto accorda la possibilità al concessionario di organizzare lo spazio nella maniera ritenuta più idonea e funzionale alle sue esigenze. Non esiste un potere per intervenire in maniera coattiva. C’è da dire che ho avuto contatti con esponenti del Coni ai quali ho rappresentato il problema. Mi farò carico di organizzare un tavolo sul quale discutere le possibili soluzioni.

 

Maurizio Amorfini (Lega Salvini Premier) chiede informazioni, terminati i lavori del viadotto Genova San Giorgio, sulla viabilità di via 30 Giugno e via Perlasca.

 

Risponde l'assessore Matteo Campora

 

Nel momento in cui ci sarà la definitiva chiusura dei cantieri potremmo tornare alla situazione precedente al crollo del ponte Morandi. Bisogna avere ancora un po’ di pazienza, si tratta di aspettare ancora qualche settimana.

 

Stefano Giordano (Movimento 5 Stelle) riportando una notizia apparsa sulla stampa cittadina, chiede chiarimenti circa lo spostamento del drive trough dalla Fiera del Mare a Quarto, tenuto conto del parere negativo espresso dalla RSU di Città Metropolitana.

 

Risponde l'assessore Pietro Piciocchi

 

Si tratta di una scelta che non compete al Comune di Genova. Nondimeno abbiamo ricevuto una informativa da parte dell’azienda sanitaria che si tratta di un servizio in costruzione. In ragione degli elementi da lei descritti, è in corso uno studio su una soluzione alternativa, ma è prematuro in questo momento esprimere preoccupazione, in quanto il presidio di cui si parla verrà reso compatibile con le altre funzioni che risiedono nella zona.

 

Rossetti Maria Rosa (Lega Salvini Premier) chiede un potenziamento della navetta AMT in servizio presso la casa della Salute dell'ex ospedale di Quarto.

 

Risponde l'assessore Matteo Campora

 

Quando è stata aperta la casa della salute dell’ex ospedale di Quarto, si è tenuta una riunione tra la Asl, il Gaslini e il mio assessorato, in cui si è deciso di strutturare una navetta che collegasse la parte sul mare sino alla casa della salute, in grado di recuperare i passeggeri delle linee ordinarie. E’ nata quindi questa navetta gratuita in servizio fino a dicembre, pagata da Asl, Gaslini e Comune, che quasi certamente verrà rifinanziata. Prevedere delle navette specifiche che, ad esempio, colleghino il Gaslini o la casa della salute a Nervi, come è stato chiesto, dipende solo dalla disponibilità finanziaria degli enti interessati.

 

Giovanni Crivello (Lista Crivello) chiede un approfondimento da parte dell'amministrazione circa i lavori dello scolmatore del Bisagno nell'ambito della messa in sicurezza idraulica e idrogeologica dell'omonima valle. Tenuto conto che la continuità amministrativa è una regola ferrea dal punto di vista istituzionale e politico, afferma il consigliere, mi preme ricordare che la realizzazione dello scolmatore del Bisagno ha interessato anche le amministrazioni precedenti, a partire dai 670 milioni messi in campo da Italia Sicura di cui ben 275 verranno spesi su Genova. I quesiti riguardano i tempi di apertura dei cantieri, dei ripascimenti e l’intervento su altre criticità come le frane. Nel 2015 fu deliberata la costituzione di un comitato ad hoc che, dopo una giusta modifica nella sua composizione nel 2017, non è mai stato costituito. Chiedo se verrà convocato.

 

Risponde l'assessore Pietro Piciocchi

 

Il tempo non mi permette di illustrare la relazione dei tecnici che metto a sua disposizione. Non lascerò cadere l’opportunità di convocare questo comitato, anche nell’ambito di un dialogo aperto con la cittadinanza. Inoltre mi rendo disponibile per organizzare una commissione consiliare sul tema dello scolmatore in modo da ascoltare tutti i soggetti interessati. Per quanto riguarda il tema più generale del dissesto idrogeologico posso confermare che si tratta di una priorità dell’amministrazione, che cercheremo di risolvere anche grazie alle nuove disponibilità finanziarie messe recentemente a disposizione ai comuni da parte del Governo.

 

Illuminazione e strisce pedonali, soprattutto riguardo ai quartieri di Rivarolo e Teglia, sono l'oggetto dell'interrogazione del consigliere Davide Rossi (Lega Salvini Premier)

 

Risponde l'assessore Matteo Campora

 

Ricordo che nell’aprile scorso abbiamo approvato una delibera in cui abbiamo individuato 10 attraversamenti pedonali da potenziare. Li vado a citare: via Molassana, via Mogadi-scio, via Bobbio, via Fillak, via Fereggiano, via Invrea, via Montevideo, piazza Martinez, via Barrili e via Rossini. Possiamo andare a individuare, sulla base delle segnalazioni dei consiglieri e della cittadinanza, nella prossima programmazione, ulteriori attraversamenti da potenziare.

 

Alle ore 15, dopo il question time, il presidente procede all’appello, dal quale risultano presenti 37 consiglieri, la seduta è quindi valida.

 

Il presidente ricorda l’ex consigliere comunale Rossella Sborgi, scomparsa giovedì scorso: «È stata una figura simbolo della Democrazia Cristiana degli anni ’80, consigliere comunale dal 1976 al 1985. Nel 1979 è stata vittima di un rapimento, per fortuna concluso in maniera molto rapida, da parte delle Brigate Rosse, che l’ammanettarono, la fecero inginocchiare davanti a una ringhiera, le posero in mano cartelli con delle scritte e prima che fosse liberata le versarono in testa un barattolo di colla, per poi rivendicare l’azione con una telefonata al Corriere Mercantile. La sua conoscenza dei bisogni del territorio, la competenza, il lavoro nell’associazionismo sociale la portarono dopo l’esperienza a Palazzo Tursi a ricoprire la carica di presidente dell’Istituto Brignole, fu lei a firmare alla fine anni ‘80 la concessione dell’edificio dell’Albergo dei poveri all’Università». Il presidente esprime le condoglianze ai famigliari a nome dell’aula e viene osservato un minuto di silenzio.

 

Il presidente legge e mette in votazione un ordine del giorno fuori sacco che impegna la giunta, al fine di poter maggiormente garantire sicurezza in diversi quartieri (le zone collinari del ponente genovese, zone come il quartiere San Pietro chiamato “Lavatrici” e il quartiere Ca’ Nova), a considerare la possibilità di assicurare una pattuglia itinerante della Polizia Locale, magari in sinergia con le Forze dell’Ordine per un controllo atto a presidiare con regolarità e rappresentare in tal senso un deterrente per qualsiasi eventuale azione di microcriminalità o spaccio.

 

L’ordine del giorno è stato approvato con 33 voti favorevoli (Lega Salvini Premier, Italia Viva, Cambiamo, Vince Genova, M5S, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Pd, Gruppo Misto) e due astenuti (Lista Crivello).

 

Si passa quindi alla trattazione dell’Ordine del Giorno che prevede una Proposta di Giunta al Consiglio, quattro Mozioni e due interpellanze.

 

DELIBERA PROPOSTA GIUNTA AL CONSIGLIO 0164 PROPOSTA N. 39 DEL 16/07/2020 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL’INQUINAMENTO ACUSTICO

Approvata con 20 voti favorevoli (Lega Salvini Premier, Cambiamo, Vince Genova, Fratelli d’Italia, Forza Italia) e 16 astenuti (Italia Viva, Pd, M5S, Lista Crivello, Gruppo Misto)

 

MOZIONE 0079 05/06/2020

Collaborazione tra Comune e Università per crediti formativi legati al patrimonio storico-culturale della città Atto presentato da: Corso Francesca, Amorfini Maurizio, Ariotti Fabio,Bertorello Federico, Ferrero Simone, Fontana Lorella, Remuzzi Luca, Rossetti Maria Rosa, Rossi Davide

 

È stato anche presentato un ordine del giorno (dal consigliere Davide Rossi) che impegna la giunta affinché il Comune sviluppi iniziative di promozione e benvenuto per gli ospiti internazionali di ogni categoria assieme agli Uffici dell’Area internazionalizzazione, ricerca e terza missione dell’ateneo.

 

Approvati all’unanimità (36 votanti su 36 presenti)

 

MOZIONE 0088 22/06/2020

Potenziamento servizio ferroviario Valpolcevera Atto presentato da: Crivello Giovanni Antonio, Pignone Enrico Approvata all’unanimità (36 votanti su 36 presenti) MOZIONE 0100 17/07/2020 Criticità Via Montorsoli Atto presentato da: Lodi Cristina, Bernini Stefano, Pandolfo Alberto, Terrile Alessandro Luigi, Villa Claudio, emendamento proposto dalla giunta

 

Approvata all’unanimità (35 votanti su 35 presenti)

 

MOZIONE 0111 20/08/2020 Programma sterilizzazione gatti Atto presentato da: De Benedictis Francesco È stato votato anche un ordine del giorno (presentato dal consigliere Guido Grillo) che chiede di affrontare il tema della revisione del regolamento per la tutela e il benessere degli animali

 

Approvati con 35 voti a favore (Lega Salvini Premier, Italia Viva, Cambiamo, Pd, Vince Genova, Lista Crivello, Fratelli d’Italia, M5S, Forza Italia) e uno contro (Ubaldo Santi, Gruppo Misto)

 

INTERPELLANZA 0093 30/07/2020

 

Messa in sicurezza delle scarpata di via Maculano Atto presentato da: Giordano Stefano Ha risposto l’assessore Pietro Piciocchi

 

INTERPELLANZA 0095 04/08/2020

Centro sociale Terra di Nessuno Atto presentato da: Rossi Davide Ha risposto l’assessore Pietro Piciocchi

 

Il presidente informa che martedì prossimo non è prevista la seduta del consiglio comunale, che sarà convocato giovedì 24 settembre. Il consiglio comunale si è concluso alle 16,19.

Ultimo aggiornamento: 08/09/2020