L'abete per il Natale 2019 arrivato in piazza De Ferrari

Contenuto

Nella prima mattinata di giovedì 28 novembre il tradizionale albero di Natale è arrivato dal Parco Naturale Regionale dell’Aveto in piazza De Ferrari.

L’albero, frutto di tagli selettivi attuati per migliorare e riqualificare i boschi di aree protette, è alto circa 16 metri ed è arrivato poche ore prima del suo “gemello” che domani sarà allestito in largo Gozzano a Sampierdarena

 

Sono iniziate questa mattina le operazioni di sistemazione e consolidamento dell’albero di Natale di piazza De Ferrari, arrivato dal Parco Naturale Regionale dell’Aveto.

L’albero, frutto di tagli selettivi attuati per migliorare e riqualificare i boschi di aree protette, è alto circa 16 metri ed è arrivato in città poche ore prima del suo “gemello” che verrà portato domani a in largo Gozzano a Sampierdarena.

 

Per l’albero di piazza De Ferrari si ringraziano per la collaborazione, oltre al Parco Naturale Regionale dell’Aveto, Aster e Vernazza Autogru.

 

Gli alberi posizionati sono frutto – come detto – di operazioni di miglioramento e riqualificazione dei boschi di aree protette. I lavori di rinaturalizzazione delle foreste dei parchi prevedono, infatti, tagli selettivi di molte conifere di impianto artificiale, tra cui abeti rossi e bianchi, per una graduale sostituzione con latifoglie naturali come faggi e aceri.

 

“La collaborazione con il Parco dell’Aveto – sottolinea l’assessore al commercio e grandi eventi del Comune di Genova Paola Bordilli – vuole valorizzare le risorse e il patrimonio del territorio più prossimo, a cominciare dall’area della Città metropolitana. Ringrazio il Parco e il Comune di Santo Stefano d'Aveto per aver da subito sposato la mia richiesta di un secondo albero che, come l’anno scorso, verrà installato in una delegazione cittadina. Inoltre, nel giorno dell’accensione dell’albero, ho voluto invitare il Parco e il Comune a presenziare anche con produzioni locali e con rappresentanze del loro territorio per sottolineare l’amicizia e la stretta collaborazione che ci lega”.

Ultimo aggiornamento: 28/11/2019