Allerta meteo arancione aggiornamento ore 03.00 del 15-10

La cella temporalesca che ha imperversato sul ponente comunale, si è separata in due nuclei distinti liberando provvidenzialmente le aree più stressate.

Sesto Continente - Una mostra di Giovanni Boffa al Museo di Storia Naturale

Contenuto

Si inaugura venerdì 13 settembre la personale dell'artista torinese, scomparso nel 2017

Silvia Stefani

Sesto Continente, la personale di Giovanni Boffa, si inaugura venerdì 13 settembre alle 17 presso il Museo di Storia Naturale G. Doria (via Brigata Liguria 9). Si tratta di 56 opere, realizzate con diverse tecniche, in diversi periodi ed esposte per la prima volta a Genova, a seguito della donazione della raccolta malacologica costruita dall’artista torinese che, negli ultimi anni del suo soggiorno a Scauri (Latina), ha raccolto oltre 5.000 conchiglie lasciandole, come impegno testamentale, al Museo di Genova quale contributo personale, di uomo e di artista.

 

Giovanni Boffa (1935-2017) per oltre 50 anni ha interpretato con passione ogni manifestazione della natura, sua musa ispiratrice. Il tema del mare è il protagonista dell'intera mostra, con dipinti che interpretano soggetti marini attraverso una speciale tecnica di linee, che smaterializzano il protagonista della tela.

 

L’esposizione, che si contraddistingue anche per l'unicità dell'interpretazione artistica e costituisce un unicum nel panorama artistico nazionale e internazionale, sarà visitabile dal 14 settembre al 13 ottobre.

 

La conoscenza del mondo marino, frutto di una passione che ha permesso a Boffa di vivere a stretto contatto con l’apneista francese Jacques Mayol, e l’eccellente conoscenza naturalistica, maturata grazie agli studi e alle collaborazioni con il Museo regionale di Scienze Naturali di Torino, sono rappresentate con tale precisione da dare allo spettatore l’illusione di trovarsi dentro il mare.

 

Le opere di Giovanni Boffa denotano anche una sensibilità ecologica quasi pioneristica: le sue importanti opere di denuncia dello scempio dell’uomo nei confronti della Natura, già negli anni ‘70 del secolo scorso, lo collocano tra i primi ad aver affrontato il tema dell’ecologia.

 

A cura dell’associazione Ipotesi d’Arte Verona.

Orario: da martedì a domenica h 10/18, con il biglietto d’ingresso al Museo. Lunedì chiuso.

Ultimo aggiornamento: 11/09/2019