A Palazzo Ducale il primo incontro del progetto Clickeasy dedicato agli over 65

Contenuto

Ideato dal Comune di Genova nell’ambito delle iniziative Genova People Friendly, realizzato con il sostegno di Enel, ha l'obiettivo di aiutare i cittadini di età superiore ai 65 anni a superare il "digital divide"

Tiziana Lanuti

Si parte dalle parole base – hardware, software, scheda video, audio, microprocessore - perché «se dovete spiegare a un tecnico cosa non funziona sapete usare i termini giusti», spiega Marco Villa, dell’associazione Amistà, agli 84 over 65 genovesi che hanno bruciato sul tempo tanti altri coetanei e sono riusciti a iscriversi alla prima edizione di “Clickeasy”, il corso per conoscere più a fondo le tecnologie digitali ideato dall’assessorato Pari Opportunità - nell’ambito delle iniziative “Genova People Friendly” - con il sostegno di Enel.

 

In otto seminari e sei incontri pratici i giovani formatori aiuteranno i diversamenre giovani a orizzontarsi meglio in un mondo che a loro non è, magari, molto familiare e a risolvere i dubbi che nascono dall’uso di smartphone, tablet e pc. «Il nostro obiettivo – spiega Arianna Viscogliosi, assessore alle Pari Opportunità – è ridurre il “digital divide” degli over 65, una generazione che non è nata con queste nuove tecnologie, ma che si ritrova a doverle usare perché sono parte integrante della vita quotidiana. Come Amministrazione ci siamo prefissati di far crescere la digitalizzazione di tutti i cittadini, in modo da aumentare la crescita innovativa in ambito sia economico sia sociale».

 

Un corso che è andato sold out «nel primo giorno, il 1° febbraio, nel quale si sono aperte le iscrizioni» commenta soddisfatta Arianna Viscogliosi, un successo che è andato oltre le previsioni, tanto che l’assessore spera di poterne organizzare un altro a breve, vista la quantità di richieste che non «abbiamo potuto soddisfare in questo primo corso – sottolinea Viscogliosi -, per il quale ringraziamo Enel per il suo sostegno».

 

A condurre i seminari e i laboratori sono i formatori di Amistà, associazione di promozione sociale, nata per volontà di cinque ragazzi che hanno condiviso l'esperienza di Servizio Civile Nazionale, che condurranno per mano i partecipanti nel percorso di conoscenza, ma che per molti è di approfondimento, perché già utilizzano smartphone, tablet o pc per inviare mail o fare qualche ricerca su Internet, come racconta Luigi che arriva da Rivarolo: «uso giornalmente Internet, mi sono iscritto a questo corso per scoprire qualche segreto nell’utilizzo dello smartphone, visto che sono autodidatta. Se mi interessano i social? Veramente no».

 

La pensano alla stessa maniera di Luigi anche Aldo e Sandra, marito e moglie, che usano lo smartphone e il pc, ma vorrebbero imparare più cose per poter utilizzare questi mezzi con più padronanza «ma i social non ci interessano», dichiarano insieme.

 

E sui social e il loro utilizzo c’è anche chi, come Paola, che ha da poco lasciato il lavoro per la meritata pensione, che dichiara «uso Facebook e Instagram, ma non sono interessata a Twitter. Vorrei scoprire qualche altra funzione di questi social, magari a fare una storia su Instagram».

Anche per chi non è interessato a usare i social in prima persona, conoscerli può essere il modo per i nonni e gli zii «per scoprire se i nipoti, ad esempio, siano oggetto di cyberbullismo», spiega l’assessore Viscogliosi.

 

Il programma, dopo il seminario di oggi su “computer tablet, smartphone: differenze, analogie” e il primo laboratorio sui principi fondamentali dell’informatica, conoscenza pc - porte - accensione - spegnimento - conoscenza sistema operativo, proseguirà affrontando nei seminari questi argomenti: comunicare attraverso il mondo digitale: mail - chat - whatsapp, le app utili per la vita quotidiana, Google e gli altri motori di ricerca, le notizie su internet per rimanere sempre informati (e non disinformati), Internet utile: -comperare - fare pratiche - tutto online (con PEC e firma digitale), i social network: il mondo a portata di like, privacy e dati personali: consigli su come sopravvivere.

E nei laboratori i partecipanti si eserciteranno su: principi fondamentali di Internet: mail - chat, principi fondamentali di Internet: ricerca su web - google apps, i sistemi informatici del Comune di Genova e siti interessanti - sportelli online - risorse da conoscere, i social network - parte I e i social network - parte II

Ultimo aggiornamento: 12/02/2019

Valuta il sito